Il ruolo della famiglia nel disturbo ossessivo compulsivo dell’infanzia

Diverse variabili legate all’ambiente familiare sono implicate nello sviluppo e nel mantenimento del disturbo ossessivo compulsivo nei bambini

Il coinvolgimento dei familiari nelle ossessioni e nelle compulsioni in in casi di disturbo ossessivo compulsivo nei bambini viene definito in letteratura come “family accomodation”: esso fa riferimento al modo in cui i i genitori, aiutano i figli nei rituali compulsivi, fornendo rassicurazione o modificando le loro abitudini.

Di cosa si tratta?

La diagnosi nei bambini può risultare difficoltosa in questa fascia d’età. Spesso la famiglia e la scuola interpretano le  ossessioni e compulsioni  come oppositività, inosservanza delle regole o preoccupazioni prive di senso. Inoltre i bambini tendono a nascondere i loro sintomi, soprattutto a scuola. I genitori a casa, invece, possono osservare solo il risultato del disturbo: ore trascorse in bagno o soli nella propria camera, capricci per azioni che non possono attuare a modo loro. La sintomatologia ossessiva nei bambini si manifesta con tematiche che riguardano la contaminazione, le aggressioni sia lesive che mortali, la simmetria e l’esattezza. Durante l’adolescenza le ossessioni posso evolversi e riguardare prevalentemente tematiche religiose o sessuali (Geller et al. 2001). Le compulsioni più frequenti invece, riscontrate nell’età evolutiva includono il lavarsi e pulirsi le mani, contare, pregare e controllare (Deacon et al. 2004).

La Famiglia nello sviluppo e mantenimento del DOC

. La costante ricerca di rassicurazioni alle loro indecisioni e ai loro dubbi e l’evitamento di situazioni ansiogene portano i bambini affetti da Disturbo Ossessivo Compulsivo a diventare estremamente dipendenti dai familiari, i quali sono spesso portati a sostituirsi nei compiti e nelle responsabilità ai propri figli (Laidlaw et al. 1999).

Il coinvolgimento dei familiari nelle ossessioni e nelle compulsioni in  casi di disturbo ossessivo compulsivo nei bambini viene definito in letteratura come “family accomodation” (Lebowitz e Bloch, 2012). Ci si riferisce per lo più al modo in cui i genitori aiutano i figli nei rituali compulsivi, fornendo rassicurazione o modificando le loro abitudini allo scopo di contrastare o di permettergli di evitare l’ansia. La famiglia può intervenire nel disturbo sia direttamente, inserendosi nei rituali, che indirettamente, modellando ad esempio la routine quotidiana attorno al sintomo. La risposta familiare può essere descritta su un continuum che va dal genitore accomodante (eccessivamente premuroso) a quello antagonista (eccessivamente critico).Il genitore accomodante asseconda e “collabora” al rituale, al fine di aiutare il bambino riducendo lo stress. Il genitore antagonista, invece, reagisce in maniera critica e ostile ai sintomi e si rifiuta di partecipare ai rituali. In ogni caso si è dimostrato come entrambe le risposte genitoriali tendano a rinforzare il sintomo, aumentandone la frequenza e l’intensità (Calvocoressi et al. 1995; Lebowitz et al. 2012).

Altre caratteristiche più legate allo stile genitoriale sono coinvolte nello sviluppo dei sintomi. Un atteggiamento di  criticismo ed ostilità è più frequentemente associata a famiglie con bambini che hanno sviluppato un disturbo ossessivo compulsivo, inoltre è anche correlata alla gravità della sintomatologia (Renshaw et al. 2003; Van Noppen et al. 2009). Altre caratteristiche genitoriali  possono essere un’eccessiva protezione o controllo, una scarsa fiducia nelle capacità del bambino, la mancanza di rinforzi e di stimolazione all’autonomia, basse abilità di problem solving e un atteggiamento connotato da senso di colpa. Queste caratteristiche favoriscono lo sviluppo nel bambino di comportamenti evitanti, preoccupazione e timore verso il mondo.

Il trattamento del disturbo ossessivo compulsivo nei bambini

Visti i numerosi studi che dimostrano l’importanza che il ruolo della famiglia ha nel disturbo ossessivo compulsivo nei bambini, i trattamenti per tale disturbo devono tenere conto di questa importante variabile. Il trattamento di prima linea per il DOC è la terapia cognitiva comportamentale (CBT) in abbinamento a psicofarmaci (King et al. 1998).

Il coinvolgimento della famiglia è ampiamente consigliato, in modo da fornire un supporto globale al paziente e offrire ai familiari gli strumenti per aiutare il bambino ad applicare il trattamento anche nella quotidianità . Una prima fase del trattamento sarà di  psicoeducazione, durante la quale i familiari possono comprendere la genesi e le problematiche tipiche del disturbo ossessivo compulsivo nei bambini. In secondo luogo è utile intervenire sul coinvolgimento dei familiari nei rituali, in modo da interromperlo. Infine è importante insegnare ai genitori ad essere dei coach per i propri figli a casa, allo scopo di aumentare l’adesione e la motivazione al trattamento.
Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2017/01/disturbo-ossessivo-compulsivo-nei-bambini-famiglia/