Conoscere le stagioni: l’inverno

Qualche spunto..laboratori esperienziali sulle stagioni..

La sensazione del freddo è un’esperienza che ciascun bambino vive quotidianamente. Il corpo si infreddolisce, i vestiti sono molto pesanti ed ingombranti e dalla necessità di proteggersi da parte di tutti può nascere un progetto didattico per stimolare nei bambini la capacità di osservazione, di attenzione e di ascolto.

Per aiutare i nostri bambini a conoscere le stagioni, ad esempio l’inverno in cui ci troviamo ci poniamo come obiettivi specifici:

  • conoscere la trasformazione invernale della natura;
  • osservare i fenomeni naturali dell’inverno;
  • Saper distinguere sensorialmente il caldo dal freddo;
  • Saper esprimersi con tecniche diverse;
  • Utilizzare alcune semplici attività manuali

Alcuni esempi di ATTIVITA’ sul tema del freddo

COLORARE CON IL GHIACCIO

Qual è la cosa più fredda che conosciamo? Il ghiaccio ovviamente! Lavorare con il ghiaccio permette di utilizzare molteplici capacità sensoriali e con i più grandicelli anche di sviluppare capacità di discernimento alternando stimolazioni tattili diversificate.

Che cosa possiamo fare con il ghiaccio? Possiamo “conoscere” pezzi di ghiaccio, toccarli, assaggiarli, con le mani, con i piedi… fino a che non si sciolgono. Potremmo predisporre cubetti classici oppure quelli di diverse forme e utilizzare recipienti per contenere l’acqua. Possiamo anche utilizzare del colorante per fare il ghiaccio di tanti colori, con cui i bambini potranno lasciare una traccia di sè su un foglio di cartoncino ruvido. Questo momento sarà importante per conoscere le caratteristiche del ghiaccio (temperatura, consistenza) e per incrementare la conoscenza dei colori. Attraverso quest’attività i bambini scopriranno le caratteristiche della stagione invernale: il ghiaccio attraverso l’utilizzo, appunto, del ghiaccio.

CONOSCERE LE SENSAZIONI CALDO-FREDDO

Con i grandi possiamo provare a proporre i contrasti del freddo e del caldo. Utilizzando acqua fredda e acqua calda: facciamo immergere le manine dei bambini  in maniera alternata, magari utilizzando anche delle spugne.

Utilizzando altri materiali: ad esempio riso bianco, nero, fagioli e ceci.

In asilo  proponiamo due bacinelle in cui sono contenuti i materiali scelti: la prima bacinella contiene ad esempio fagioli e ceci che avremo tenuto all’aperto       in modo da raffreddarli, mentre nella seconda bacinella ad esempio potrà contenere il riso che avremo scaldato in forno. I bambini potranno toccare, immergere le manine e perchè no… anche i piedini!